capitolo 2016

 XVII CAPITOLO SOLENNE

Domenica 23.10.2016

La battaglia napoleonica di San Michele Mondovì  

 

 

Il meteo ci ha assistiti con una bella ottobrata che ha permesso di servire la colazione sull’ampia terrazza panoramica del ristorante “da Elvira” della frazione San Paolo che ci ha ospitato immersi nei castagneti. Oltre alla tradizionale colazione campagnola – con un particolare apprezzamento per i robatà (grossi grissini) della vicina panetteria – gli amici della locale associazione “Cricca del Sambajon” che ci hanno affiancato nel fare gli onori di casa ci hanno preparato ed offerto delle castagne al latte.

 

 

Siamo poi scesi nella tavernetta dove il prof. Edoardo Bona (assessore alla cultura del comune) ci ha rievocato la battaglia napoleonica di San Michele che assieme a quella della vicina Mondovì ha costretto gli austro-piemontesi all’armistizio di Cherasco. Battaglia cruenta e  celebrata anche dal Carducci nella sua “Bicocca di San Giacomo”, il colle che sovrasta il paese:

 

 

                ” Ecco il ridotto. Ancor non ha l’aratro                                                                                                                                                                                                                                raso dal suolo l’opera di guerra.  
                     Ecco le linee del tonante vallo                                                                                                                                                                                                                                                      e le trincee.

             Contra il nemico brulicante al piano
              e lampeggiante da le valli in faccia
                qui puntò Colli rapido mirando
                               le batterie…”

 

Prima di risalire nell’ampio salone per il pranzo son seguiti i saluti della F.I.C.E. portati dal presidente Porzio e del suo predecessore Santagiuliana, la chiamate delle numerose confraternite intervenute e l’intronizzazione di tre nuovi accademici. Alle 15,30, in perfetto orario, all’uscita dal ristorante, già satolli e appagati dagli ottimi piatti assaporati, abbiamo avuto la sorpresa di vederci donare dallo stesso, quale viatico per il viaggio di ritorno, dei “mondai” (caldarroste) che stavano allegramente saltando nella canonica padella forata agganciata ad un trespolo da campo montato accanto all’ingresso.

 

 

Scroll to top